Suzuki XR35 Gamma

Suzuki XR35 Gamma - opinioni e discussioni sul Forum di Dueruote - puoi discutere con appassionati di moto come te, iscriviti subito per partecipare ed esprimere la tua opinione!

  1. Mauro Fiorentini

    Mauro Fiorentini

    Iscritto:
    1346846680
    Messaggi:
    2.497
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    Dopo la Kawa Mach III, oggi si parla della moto nata per contrastare Kenny Roberts: la Suzuki XR35 Gamma del 1981! :hail:

    - La storia.
    All’inizio degli anni ’80 una delle squadre più forti del Mondiale 500 parla Italiano: si tratta del team Gallina, diretto da Roberto e per il quale dal 1976 al 1980 hanno corso alcuni dei più forti piloti del tempo: ad esempio Lucchinelli, che regala al team le prime vittorie ed i primi podi. Questi risultati attirano l’attenzione della Suzuki che, fino ad allora, aveva collaborato con successo con il team Heron, alfiere del quale era Barry Sheene. Inoltre l’arrivo di Kenny Roberts su Yamaha contribuì a rimescolare le carte.
    Alla fine del 1980, con il titolo mondiale perso per un soffio, al team Gallina ed al suo fortissimo pilota di punta serve una moto che sia in grado di battersi ad armi pari contro l’Americano. Fu per questo motivo che venne sviluppata la XR35, la capostipite della vittoriosa serie Gamma.
    In quel momento la Suzuki era all’apice dell’evoluzione tecnica del suo motore più performante, un quattro cilindri in quadrato che aveva garantito a Sheene i titoli mondiali 1976 e ’77. Il motore che equipaggia le nuove XR35 del team Gallina è ancora più compatto di questo, risultato ottenuto dimezzando il numero di alberi (da 4 a 2) e si affianca ad un nuovo monoammortizzatore posteriore con sistema Full-Floater. Nel 1982 arriverà anche un innovativo telaio a doppia culla chiusa in tubi quadri d’alluminio.
    Ridisegnato con misure più compatte di parecchi millimetri e con una minore capacità dell’olio della trasmissione, il nuovo motore ideato dalla squadra dell’ingegnere Shiro Yoshida può erogare 120 cavalli ad un picco massimo di 11.000 giri. Cambiano anche pistoni, albero motore e cilindri. La moto viene provata in Giappone sia dal team Heron che dal team Gallina, dimostrandosi un prodotto ben fatto ed a cui sono necessari solo pochi ritocchi.
    Questa moto sancisce l’apice della competitività per il team Gallina il cui pilota, Lucchinelli, riesce finalmente a conquistare il titolo mondiale nel 1981, dopo un campionato molto combattuto, interrompendo la serie iridata di Kenny Roberts.
    La Suzuki XR35, la prima Gamma, verrà poi modificata e migliorata nel tempo, continuando a gareggiare con successo nelle versioni XR40 nel 1982 e XR45 nel 1983.
    Per l’anno 1981 la XR35 Gamma ha collezionato i seguenti podi: 29 primi posti, 7 secondi posti e 6 terzi posti, gareggiando nel Campionato Europeo di Velocità, nel Campionato Italiano Seniores, nel Campionato Shell 500, nel Trofeo Marlboro Transatlantic, nella John Player Gold Cup 500, nella Wint World Cup oltre che, ovviamente, nel Campionato Mondiale 500. I suoi migliori piloti sono stati Lucchinelli con 11 vittorie, 1 secondo posto e 1 terzo, Crosby con 8 primi posti, 3 secondi posti e 3 terzi posti e Mamola con 7 primi posti, 4 secondi e 2 terzi.


    - La prova su strada.
    Le prove condotte dai piloti del team Heron e del team Gallina sulla pista di Ryuyo in Giappone evidenziarono come la XR35 fosse più maneggevole nei cambi di direzione rispetto alla moto del 1980.
    Il buon progetto ed il monoammortizzatore posteriore garantiscono una distribuzione dei pesi ottimale, mentre le modifiche apportate al motore lo rendono più fluido nell’erogazione e con un allungo più generoso rispetto alla versione precedente.
    La moto risulta ottimamente frenata e generalmente molto affidabile per essere una moto da competizione.


    - I dati tecnici dichiarati.
    Motore: quattro cilindri in quadrato, 2 tempi, 494,69cc, rapporto di compressione 8,5:1, potenza massima 120 cavalli a 11.000 giri.
    Cambio: estraibile a 6 velocità con ingranaggi sempre in presa montati su gabbie a rulli. Sei ingranaggi diversi disponibili per ogni rapporto del cambio per un totale di 46.656 combinazioni possibili.
    Frizione: multi disco a secco con meccanismo “pull-type”.
    Telaio: doppia culla chiusa in tubi d’acciaio al cromo molibdeno.
    Sospensioni: forcella telescopica Kayaba da 40 all’anteriore, forcellone oscillante in lega leggera al posteriore.
    Freni: anteriore a doppio disco flottante da 310mm con pinze a doppio pistoncino, posteriore a disco singolo da 180/220mm.
    Dimensioni: peso in ordine di marcia dichiarato di 135 chili.
    Prestazioni dichiarate: 280 km/h.
    Esemplari prodotti: -
    Curiosità: -


    - Fonti.
    Motociclismo d’epoca 2/2016.


    [​IMG]

    [​IMG]

    [​IMG]

    Foto: www.philaphoto.com, www.online-instagram.com .
     
    Ultima modifica: 14 Dicembre 2016
  2. macskywalker

    macskywalker

    Iscritto:
    1237456621
    Messaggi:
    10.561
    "Mi Piace" ricevuti:
    2
    Fantastico

    Io però non ho ancora capito il senso di questi 3d....

    Colpa mia... si vede che sono tardo

    P.s.
    Lo dico da utente
    Non da moderatore
     
    Ultima modifica: 13 Dicembre 2016
  3. Geppox32

    Geppox32

    Iscritto:
    1310733838
    Messaggi:
    6.838
    "Mi Piace" ricevuti:
    7
    #dueruoteclassiche

    # mobbastapero :D
     
    Ultima modifica: 13 Dicembre 2016
  4. Maxpeacemakertavel

    Maxpeacemakertavel

    Iscritto:
    1477668659
    Messaggi:
    565
    "Mi Piace" ricevuti:
    1
    Il genio Dall'igna e le alette aerodinamiche.
     
    Ultima modifica: 13 Dicembre 2016
  5. mostronovecento

    mostronovecento

    Iscritto:
    1237302847
    Messaggi:
    5.629
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    Quelle sulla Suzuki erano solo paramani....

    QUESTE erano alette ;-) e molto prima:

    [​IMG]

    Ciauz
     
    Ultima modifica: 15 Dicembre 2016
  6. Mastic

    Mastic

    Iscritto:
    1237220642
    Messaggi:
    5.766
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    Il senso io ce lo vedo, e sto anche ragionando se creare un'area Epoca nel Forum.
    Diciamo che, al di là del reperimento di notizie e informazioni varie su testate della concorrenza, gli articoli assumerebbero un po' più di appeal se riportassero delle emozioni vissute.
    Quello sulle Kawasaki 3 cilindri 2T ad esempio, con cui aprirò la rubrica sul giornale di febbraio, è diventato godibile in quanto qui dentro ci sono diverse persone che quelle moto le hanno guidate, avute, sognate.
    Quindi Mauro, grazie per i tuoi contributi. Prova però a condirli con qualcosa di più tuo, come sensazioni, ricordi, emozioni. Aneddoti. E, magari, diluiscili un po'. Anche perché, continuando così, fra un po' finisci le moto.


    Quanto alla Suzuki Gamma, io l'ho amata e guidata un po' di volte. Ma non l'ho mai avuta.
    Ce l'aveva il mio mentore (l'anziano Vladi Dabiankov), con il quale uscivo tutti i week end e che ogni tanto mi faceva guidare la sua moto. Ne ho sentito l'odore degli scarichi per 2-3 anni, tutti i sabati e domenica.
    Capitolo a parte il 1986 (il 1986!): a Misano ho guidato la moto di Gallina con la quale Pierfrancesco Chili correva nel Campionato Italiano F.1. E lì ho scoperto un altro mondo. Una moto ovviamente molto più potente e veloce di quanto mi aspettassi; una moto stabile e sincera in tutte le situazioni.
    Perché 30 anni fa le moto stradali che guidavamo (lo ha scritto Calissi), non erano delle vere race replica come le moto di oggi. Il divario fra una vera moto da pista (e che moto) e quelle che guidavamo in strada era molto più sensibile.

    Ecco, la Gamma ebbe il merito di fare un bel passo avanti in tema di sportività. Poteva essere usata bene anche nella configurazione con la quale usciva dal concessionario.
    Ma bisognava risolvere il problema dell'ingranaggio del cambio che si rompeva. Non ricordo se era la 5a o la 6a; ma aveva l'antipatica abitudine di rompersi in velocità, bloccando la ruota. Successe a parecchia gente, quindi i meccanici specializzati (a Roma fra gli altri i fratelli Ianniccheri) iniziarono a fare una modifica preventiva che scongiurava il problema.
    Poi, ovviamente, c'era chi metteva mano a freni e sospensioni. Magari ai cerchi. e si montavano espansioni differenti. Ma la Gamma andava fortissimo già di suo.
    Alzò l'asticella. Insieme a un'altra grande moto del periodo: la Kawasaki GPZ900r.

    Sul tavolo c'è un deposito di foto vecchie, ho trovato questa stampata. Da qualche parte dovrei avere anche l'originale. Ma, visto che si parla del pleistocene, potete anche accontentarvi dell'idea di una moto nella nebbia. Che non c'è mica troppo da guardare! :D

    [​IMG]

    Post-edit. Azz... pubblicata fa proprio schifo la foto! :-(
     
    Ultima modifica: 14 Dicembre 2016
  7. Mauro Fiorentini

    Mauro Fiorentini

    Iscritto:
    1346846680
    Messaggi:
    2.497
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    "La foto"...... il dagherrotipo semmai :D

    Ok Riccardo proverò a chiedere anche a chi quelle moto le ha avute e guidate (una roba del genere l'ho fatta per le Honda 400 Supersport e 750 Four grazie alla gente che orbita intorno al concessionario sotto casa...), tenendo conto del fatto che io per buona parte del 1986 ancora lievitavo dentro mamma :D
    Però per fortuna ho papà che ne ha avute parecchie... tra l'altro visto come è ridotto ora, queste sarebbero le sue "memorie" motociclistiche :)
    Insomma magari le sensazioni e gli aneddoti non saranno proprio miei.... saranno di seconda mano ecco. Però li riporterò molto volentieri perchè per me sono plusvalori, mi è piaciuto molto l'evolversi del topicche della Kawa!
     
    Ultima modifica: 14 Dicembre 2016
  8. fcalissi

    fcalissi

    Iscritto:
    1236593368
    Messaggi:
    24.109
    "Mi Piace" ricevuti:
    21
    Eh infatti,più che pubblicare l'utile scheda tecnica,che di per se è già difficile trovare o aver voglia di cercare,mettici del tuo o qualcosa sentito in giro visto che sei ai margini della terra del mutor

    Il Gamma non l'ho mai guidato,entra nella mia personale storia quando il 2T per strada è già morto e sepolto avendo assaggiato i primi 4T "robusti"
    Viceversa,come scrive il Mastic,proprio i 2T trovarono il canto del cigno con l'esplosione delle GP d'epoca,Yamaha Honda Suzuki e Kawasaki
    Honda aveva il 400 NSR 3 cilindri,l'unica che ho provato per averla vista davanti troppo spesso :D

    Il Gamma non saprei,ma a differenza della "bara" con la K erano vere moto da corsa targate,andavano,giravano,resistevano !
    D'altronde erano passati oltre 10 anni dalle prime GT 380/Rd 350/Mach 3
    Altra era,altre prestazioni,altre gomme,altri telai e sopratutto altri clienti potenziali

    Le gare erano entrate dalla televisione,i campioni nostrani e d'oltreoceano facevano sognare,nacque lo spirito di emulazione a cominciare dai colori !

    Gamma e Gammino,che spadroneggiavano nelle prime sfide in pista,nei campionati Regionali !
    Il Gammino 250 visse una stagione lunghissima fino all'arrivo della RS Aprilia
    I campionait monomarca,le Sport Production facevano il pieno,le gare in salita....

    Il Boom del Motociclismo tutto e quello sportivo per tutti nacque in quegli anni,grazie ai Jap,e per 20 lunghi e goderecci anni me lo sono visto passare sotto le gambe :D

    Grande Gamma,uno dei primi telai d'alluminio a vista, quei 4 scarichi fumosi,le prime gomme sportive, le gomme erano ancora 18" ma di li a poco,proprio col bellissimo e potentissimo GPZ 900 R citato dal Mastic e del GPZ 600 R dello Strangola,arrivarono i primi cerchi da 16" sull'onda delle GP

    Un passaggio epocale che il Gamma dominò in lungo e largo per tutto il tempo che il 2T resistè prima di morire
     
    Ultima modifica: 14 Dicembre 2016
  9. macskywalker

    macskywalker

    Iscritto:
    1237456621
    Messaggi:
    10.561
    "Mi Piace" ricevuti:
    2
    infatti il problema è questo

    i 3d sono per lo più didascalici e a volte neanche del tutto perchè come logico quando si parla di cose passate da 20 o 30 anni e che non si si sono nemmeno vissute pienamente l'inesattezza o la notizia sbagliata sono in agguato.

    chi li propone non mi pare abbia grande esperienza dell'oggetto in discussione, e già a questo punto io mi sono fatto la domanda del perchè vengano proposti. per chiarire meglio... io potrei proporre una serie di lunghissime discussioni sulle 125 degli anni dal 1985 al 1992... almeno un centinaio di modelli, la gran parte visti dal vero e moltissimi anche guidati.... ma non avendo mai messo il sedere su una mach III... non mi viene in mente ne' di parlarne e ne' tanto meno cosa dire.

    dopodichè.... quì dentro pochi conoscono queste moto e pochissimi le hanno viste dal vero.... ancora meno le hanno guidate. tra questi ultimi i ricordi sono sbiaditi e confusi.

    la mia confusione deriva dal fatto che in questa sezione storicamente abbiamo sempre parlato di moto "toccabili" ... moto accessibili alla maggioranza di tutti noi , con obbiettivi su di esse connessi con l'uso reale.
    ben venga una sezione epoca, ci mancherebbe. se c'è richiesta per parlare di questo tipo di oggetti, creiamo uno spazio per farlo. secondo me questa sezione non è del tutto appropriata per farlo.
    poi .... ci mancherebbe.... mi limito a non intervenire.... e prego di cancellare questo mio intervento inutile. se la linea del forum dominante è questa... avanti così.

     
    Ultima modifica: 14 Dicembre 2016
  10. Maxpeacemakertavel

    Maxpeacemakertavel

    Iscritto:
    1477668659
    Messaggi:
    565
    "Mi Piace" ricevuti:
    1
    agevolo dettaglio di abbigliamento tecnico dell'epoca :D :D :D
     

    Files Allegati:

    Ultima modifica: 14 Dicembre 2016
  11. Mastic

    Mastic

    Iscritto:
    1237220642
    Messaggi:
    5.766
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    Nessun intervento è inutile Max. Perché mai cancellarlo?
    Concordo con te sul fatto che di queste moto sarebbe meglio ne parlasse chi le ha vissute. Certo! Ma anche chi le ha sognate. Basta aprire un cassetto diverso. Invece che ne didascalico pescare nelle emozioni. E lasciarsi un po' andare.
    Apriamo una sezione Epoca?
    Sto cercando di capire se ce n'è richiesta.
    Ad aprirla ci metto poco. così come a spostarci un po' di discussioni dentro. Ma... ci sono gli appassionati che poi la seguono e la alimentano?
     
    Ultima modifica: 14 Dicembre 2016
  12. macskywalker

    macskywalker

    Iscritto:
    1237456621
    Messaggi:
    10.561
    "Mi Piace" ricevuti:
    2
    abbiamo diverse sezioni con una frequenza inferiore a quella che si può riscontrare su questa o su "motogp", ma ciò non ci impedisce di mantenerle, perchè in effetti trattano di argomenti specifici... che se capita di volerne discutere, bene è farlo dove sia facile trovarli.
    altrimenti si torna al minestrone del vecchio forum e buttiamo tutto insieme.... che è una scelta... non sto dicendo che una cosa vada bene e l'altra no.
    ma se questa divisione in argomenti pare funzionare e il forum è strutturato così... come ho detto.... benvenuta sezione epoca....

    p.s.
    riccardo.... dicevo di cancellare questi interventi perchè stiamo sporcando il 3d...
     
    Ultima modifica: 14 Dicembre 2016
  13. Mauro Fiorentini

    Mauro Fiorentini

    Iscritto:
    1346846680
    Messaggi:
    2.497
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    Il casco, disgraziato!

    [​IMG]


     
    Ultima modifica: 14 Dicembre 2016
  14. macskywalker

    macskywalker

    Iscritto:
    1237456621
    Messaggi:
    10.561
    "Mi Piace" ricevuti:
    2
    come non detto....
    il 3d si sporca da solo :D :D :D
     
    Ultima modifica: 14 Dicembre 2016
  15. Mastic

    Mastic

    Iscritto:
    1237220642
    Messaggi:
    5.766
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    Ecco fatto.
    Funziona? lo vedete? O ho dimenticato qualche permesso?
     
    Ultima modifica: 14 Dicembre 2016