Road Races - [ottobre2ruote11]

Road Races - [ottobre2ruote11] | Pagina 5 - opinioni e discussioni sul Forum di Dueruote - puoi discutere con appassionati di moto come te, iscriviti subito per partecipare ed esprimere la tua opinione!

  1. dragonair0307

    dragonair0307

    Iscritto:
    1237209424
    Messaggi:
    4.320
    "Mi Piace" ricevuti:
    0


    MARTIMOTOS al GP Macao 2014

    https://www.youtube.com/watch?v=bOHrKrmuy0M#t=14
     
    Ultima modifica: 20 Novembre 2014
  2. dragonair0307

    dragonair0307

    Iscritto:
    1237209424
    Messaggi:
    4.320
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    A proposito di compressori volumetrici.....

    Georg Meier in sella alla BMW dotata di compressore volumetrico che vinse il Senior TT nel 1939.

    BMW ha dovuto attendere il 2014 per tornare al successo sull'Isola di Man per mano di Michael Dunlop su BMW 1000 RR.



    [​IMG]


    Dalla pagina FB di Mondocorse.
     
    Ultima modifica: 20 Novembre 2014
  3. kitcarson0506

    kitcarson0506

    Iscritto:
    1237469163
    Messaggi:
    2.706
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    ecco ... le moto classiche vanno guidate sul e col posteriore !
     
    Ultima modifica: 20 Novembre 2014
  4. fcalissi

    fcalissi

    Iscritto:
    1236593368
    Messaggi:
    24.109
    "Mi Piace" ricevuti:
    21
    Il CIVS,questo sconosciuto,sono rimaste le uniche gare su strada nel nostro paese.
    Trattasi,vado a memoria,di un percorso storico inferiore ai 5 km,chiuso al traffico per la durata della gara,prove ufficiali e due manches,concentrati nel giorno festivo.le prove libere si svolgono il sabato.Su i rettilinei più lunghi vengono inserite della varianti artificiali per rallentare,che di solito sono più pericolose del rettilineo stesso.
    Quest'anno la novità più importante è il ritorno della classe 1000 per adeguarsi al campionato Europeo.
    Il calendario è orfano della classica Sillano-Spedaletto per le note vicende legate all'amministrazione comunale che ha rinnegato la storica manifestazione vietandola all'ultimo momento.

    Questo l'articolo ed il calendario di Marta Covioli su road races

    Il 12 Luglio state in zona Arezzo,lo Spino è fantastico,e molti di noi lo hanno percorso nelle ultime Sgommate ;-)

    E’ stato presentato ieri dalla Federazione Motociclistica Italiana il calendario 2015 per il Campionato Italiano Velocità in Salita, non senza novità sostanziose.

    Le tappe saranno 5 per un totale di 6 gare, con il doppio round di Spoleto a chiudere la stagione. Una vera e propria concentrazione estiva di appuntamenti, con un inizio addirittura il 21 giugno e la chiusura al 30 agosto.

    Come già accennato, la grossa novità delle salite italiane sarà l’introduzione della classe 1000, rimasta finora esclusiva dell’Europeo. Bocciata invece la proposta di unire le categorie 600 Stock e Open. Si avranno quindi 11 classi (oltre alle Moto d’Epoca): Scooter, Pitbike, Moto3, 125 Open GP, 250 Open GP, 600 Stock, 600 Open, Naked, Supermotard, Sidecar e 1000.

    Le prove ufficiali, poi, si terranno la domenica, con la prima prova non cronometrata seguita dalla cronometrata e dalle due manche; il sabato sarà riservato alle prove libere.

    Dando un’occhiata al calendario si nota l’assenza della Sillano-Ospedaletto, dopo il grosso polverone scaturito quest’anno. Valevoli anche per l’europeo i round di Carpasio-Prati Piani e Poggio- Vallefredda.



    Calendario CIVS 2015

    21 giugno: Carpasio-Prati Piani (IM), CIVS + Europeo, M.C. Squadra Corse Badalucco

    12 luglio: Pieve-Passo dello Spino (AR), CIVS, M.C. Spino

    9 agosto: Molino del Pero – Monzuno (BO), CIVS, M.C. True Riders

    23 agosto: Poggio-Vallefredda (FR), CIVS + Europeo, M.C. Franco Mancini 2000

    30 agosto: Spoleto-Forca di Cerro (PG), CIVS, M.C. Spoleto, doppio round


    [​IMG]
     
    Ultima modifica: 4 Dicembre 2014
  5. fcalissi

    fcalissi

    Iscritto:
    1236593368
    Messaggi:
    24.109
    "Mi Piace" ricevuti:
    21
    Calendario Metzeler Classic di quest'anno

    Io ce l'ho ! :D

    [​IMG]
     
    Ultima modifica: 5 Dicembre 2014
  6. fcalissi

    fcalissi

    Iscritto:
    1236593368
    Messaggi:
    24.109
    "Mi Piace" ricevuti:
    21
    Nicola Covioli,fratello di Marta,raccontando della gara di Scarborough dell'ultimo fine settimana riporta un dato che mi sembra significativo da riportare

    http://www.roadracingcore.com/it/ne...-festival-dominio-di-lintin-allolivers-mount/

    Questi corrono con tutto vabbè,ma queste 3 moto hanno fatto la storia,la mia storia, e corrono ancora !

    Categoria Classic F1, che vede al via Dean Harrison a bordo di una

    Kawasaki ZXR 750.

    La gara è un monologo del giovane asso di Bradford, il quale rifila ben 52 secondi in 8 giri al secondo classificato, David Bell su

    Yamaha FZ 750

    mentre si aggiudica il terzo gradino del podio Kiaran Hankin su

    Honda RC30 750.
     
    Ultima modifica: 24 Giugno 2015
  7. dragonair0307

    dragonair0307

    Iscritto:
    1237209424
    Messaggi:
    4.320
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    Fonte www.roadracingcore.com


    CIVS, rinviata la Scarperia-Giogo

    A meno di due settimane dall’evento, il Moto Club True Riders comunica che la tappa CIVS di Scarperia – Giogo verrà rimandata a settembre.

    Per motivi organizzativi, il Moto Club annulla perciò quello che avrebbe dovuto essere il secondo appuntamento del


    Campionato Italiano Velocità in Salita spostandolo in coda alla stagione 2015, precisamente il week-end del 20 settembre.

    La prossima tappa in calendario, dopo la Carpasio-Prati Piani, sarà quindi Molino del Pero – Monzuno (9 agosto), seguita dalla Poggio – Vallefredda (23 agosto) e dal doppio round di Spoleto – Forca di Cerro (30 agosto).

    Il percorso della Scarperia – Giogo, introdotto nel calendario CIVS proprio quest’anno, si trova vicino all’autodromo del Mugello ed è anche sede della storica cronoscalata per auto.

    Per quanto riguarda le due ruote, invece, dovremo dunque aspettare il 20 settembre.
    Marta Covioli
     
    Ultima modifica: 1 Luglio 2015
  8. fcalissi

    fcalissi

    Iscritto:
    1236593368
    Messaggi:
    24.109
    "Mi Piace" ricevuti:
    21
    Andiamo a farci una ricognizione da soli :D
     
    Ultima modifica: 1 Luglio 2015
  9. dragonair0307

    dragonair0307

    Iscritto:
    1237209424
    Messaggi:
    4.320
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    Ci sto :D
     
    Ultima modifica: 1 Luglio 2015
  10. dragonair0307

    dragonair0307

    Iscritto:
    1237209424
    Messaggi:
    4.320
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    La prossima settimana, dopo la sua esperienza al Post TT, Tommaso Totti debutterà alla Southern 100, una delle più importanti gare su strada a livello internazionale.
    Sarà in sella ad una Kawasaki 600 con la quale parteciperà alle gare riservate alla SuperSport.

    Un grande in bocca al lupo a Tommaso nell'attesa di vederlo sull'isola dove quest'anno parteciperà al ManxGP.

    [​IMG]
     
    Ultima modifica: 2 Luglio 2015
  11. dragonair0307

    dragonair0307

    Iscritto:
    1237209424
    Messaggi:
    4.320
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    Fonte www.roadracingcore.com


    Skerries 100, appuntamento oggi pomeriggio.

    Questo fine settimana l’appuntamento è con la Skerries 100, road race a poca distanza dall’omonima cittadina nella contea di Dublino, nella verde Irlanda.

    Dal 1946 il Loughshinny Motorcycle Club organizza questo evento che ha sempre attirato grandi nomi come Joey Dunlop e Martin Finnegan. Il tracciato di 2.92 miglia condivide circa un centinaio di metri con il circuito della Killalane Road Race; i due eventi sono anche organizzati dallo stesso MotoClub e condividono il medesimo paddock.

    Ed è proprio Joey Dunlop, a pari merito con Ray McCullough, il pilota più vincente alla Skerries 100 (con 17 trionfi).

    Tracciato da affrontare in senso antiorario, Skerries presenta vari punti “da pelo”, permettendo molti sorpassi e un ottimo spettacolo per il pubblico degli appassionati. Dopo il rettilineo di partenza si affronta subito la secca curva a sinistra di Dublin Corner, skerries mapper sfrecciare poi verso Dukes Bends, uno dei tratti salienti del circuito, un destra-sinistra ad ampio raggio così chiamato in seguito alla caduta di Geoff Duke. Si prosegue poi fino a Baldungan, altra curva secca a sinistra; si raggiunge poco dopo l’ennesima sinistra stretta e tecnica, la Glasshouses. Gas spalancato lungo Gillies Leap, piegando a destra fino ad arrivare all’Hairpin, un’altra secca sinistra. Si entra qui nel tratto più veloce del circuito, Shady Lane, che prosegue su Sam’s Tunnel e Sam’s Leap, dove si fatica a tenere la ruota anteriore a terra. Piccola chicane artificiale, traguardo e via per un altro giro mozzafiato.


    [​IMG]

    Presenti quest’anno i fratelli Dunlop, la cui presenza alle Nationals è sempre gradita. Michael affronterà la Skerries 100 con la BMW S1000RR Superstock e la Honda Supersport MD Racing, mentre William sarà in sella alla Tyco BMW Superstock e alla Yamaha R6 CD/IC Racing. Atteso anche il mattatore della Kells Road Race, il velocissimo Alan Bonner sulla “Thepeoplesbike”, e poi Derek McGee, reduce dalla rottura del contratto con Wilson Craig e presente con le sue “vecchie” Kawasaki ZX10R Superstock, Yamaha R6 e Kawasaki ER6. Ci saranno poi Micko Sweeney (dopo il brutto incidente al Tourist Trophy), Brian McCormack e Derek Sheils.

    Appuntamento questo pomeriggio dalle ore 14 locali per le qualifiche e alle 9 di domani, sabato 4 luglio, per tutte le gare.

    Marta Covioli
     
    Ultima modifica: 3 Luglio 2015
  12. dragonair0307

    dragonair0307

    Iscritto:
    1237209424
    Messaggi:
    4.320
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    Esistono nelle road races degli uomini che si mettono a disposizione dei piloti.
    Sono i medici che li seguono e che sono sempre pronti ad intervenire. I "flying doctors". Purtroppo ieri nel primo venerdì durante le prove, uno dei dottori che seguono i piloti al primo giro assieme ai travelling marshals è rimasto vittima di una brutta caduta. Sabato mattina ci ha lasciato il dottor John Hinds.

    RIP Doc.


     

    Files Allegati:

    • image.jpg
      image.jpg
      Dimensione del file:
      184,4 KB
      Visite:
      0
    Ultima modifica: 6 Luglio 2015
  13. fcalissi

    fcalissi

    Iscritto:
    1236593368
    Messaggi:
    24.109
    "Mi Piace" ricevuti:
    21
    Grande dispiacere,
    Onore ai Dottori Volanti
     
    Ultima modifica: 6 Luglio 2015
  14. dragonair0307

    dragonair0307

    Iscritto:
    1237209424
    Messaggi:
    4.320
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    fonte www.roadracingcore.com


    Southern 100 con Guy Martin, i Dunlop e Tommy Totti. Da oggi si parte!

    L’appuntamento imperdibile è per questa sera, lunedì 6 luglio, dalle ore 19.00 italiane, quando scatteranno le prime prove della bellissima Southern 100.

    Storica road race che si corre dal 1955 sul Billown Circuit, tracciato di 4,25 miglia presso Castletown, nel sud dell’Isola di Man, la Southern 100 festeggia quest’anno il suo Diamond Jubilee. Una gara che non ha perso il suo smalto negli anni, ma che anzi attira sempre di più grandi nomi e newcomers.

    Dal 6 al 9 luglio occhi puntati dunque sulla stretta lingua d’asfalto tra i muretti a secco e le spigolose curve del Billown Circuit, un quadrato che tocca nomi evocativi quali Ballakeighan, Iron Gate, Ballabeg Hairpin, Church Bends. Un evento che per il sedicesimo anno consecutivo è sostenuto dal main sponsor Steam Packet Company, l’agenzia di traghetti mannese.

    La line-up 2015 è semplicemente stellare: presente il vincitore del “Solo Championship” 2013 e 2014 Guy Martin in sella alla Tyco BMW; con lui il compagno William Dunlop, schierato anche tra le 600cc con la R6 CD/IC Racing. In cerca di riscatto dopo le ultime deludenti prove il fratello Michael sulle sue BMW e Honda MD Racing. Presente poi il detentore del lap record Dean Harrison su Mar-Train Yamaha, sperando che la squadra dei Martin abbia risolto i grossi problemi del TT per poter puntare a migliorare quel fantastico 114.601 mph di media fatto segnare lo scorso anno.

    Ci sarà poi il fresco vincitore della Lightweight TT, il biondo Ivan Lintin, in sella alle Kawasaki RC Express; atteso poi è il mannese Dan Kneen, che riporta al Billown il nome Padgett’s dopo 35 anni di assenza. Ci sarà anche il bravissimo fratello Ryan Kneen, così come l’inglese Russ Mountford e le giovani promesse James Cowton e Jamie Coward.

    Grandiosa è anche la entry list dei Sidecar, con gli equipaggi Dave Molyneux/Ben Binns, Conrad Harrison/Mike Aylott, John Holden/Dan Sayle, Ian e Carl Bell, Tim Reeves/Mark Wilkes, nonchè i fratelli vincitori delle due manche al TT 2015, Ben e Tom Birchall.

    Attenzione anche all’unico pilota italiano in gara: dopo il fantastico terzo posto nella Senior Support 2014 di Davide Ansaldi, quest’anno ci penserà il riminese Tommaso Totti a tenere alta la bandiera italiana. Tommaso farà il suo debutto alla Southern 100, dopo aver già saggiato il Billown Circuit durante lo scorso Post TT in sella ad una Kawasaki ZX-6R. Un grosso in bocca al lupo a Tommaso!

    Sarà possibile seguire live l’evento su Manx Radio.

    Di seguito il programma completo della Southern 100, con due giorni di prove seguiti da ben 11 gare (orari locali isola di Man):
    Lunedì 6 luglio

    6.00pm – 9.30pm

    Prove per tutte le classi con i primi 8 minuti di ogni sessione non cronometrati.

    Martedì 7 luglio

    6.00pm – 7.34pm
    Prove per tutte le classi

    7.50pm

    Gara 1- The Senior Solo Founders Race, 10 giri

    Gara 2 – The Junior Solo Founders Race, 10 giri



    Mercoledì 8 luglio

    6.20pm

    Gara 3 – The Senior Race, 10 giri

    Gara 4 – The Classic Race 1, 8 giri

    Gara 5 – The Junior Race, 10 giri

    Gara 6 – The Formula 2 Sidecar Race, 6 giri



    Giovedì 9 luglio

    1.40pm

    Gara 7 – 250cc/600cc Race, 10 giri
    Gara 8 – The Classic Race 2, 8 giri
    Gara 9 – The 125cc/400cc Race, 6 giri
    Gara 10 – The Formula 2 Sidecar Championship Race, 9 giri
    Gara 11 – The Solo Championship Race, 12 giri

    Marta Covioli


     
    Ultima modifica: 6 Luglio 2015
  15. dragonair0307

    dragonair0307

    Iscritto:
    1237209424
    Messaggi:
    4.320
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    Vi copio ed incollo l'articolo che Marta Covioli ha scritto sul sito di www.roadracingcore.com su. Doc John Hinds.

    Inoltre, come sempre vi metto il link al sito e questa volta in modo davvero particolare. Infatti alla fine dell'articolo di Marta troverete il link per firmare la petizione che porterebbe, si spera, a fare sì che il desiderio del Doc si possa avverare. Quello che lui desiderava tantissimo era di far sì che anche nelle corse dell'Irlanda del Nord ci sia la presenza di un'eliambulanza.

    http://www.roadracingcore.com/it/news/grave-lutto-nelle-road-races-muore-a-skerries-doc-john-hinds/


    Grave lutto nelle road races, muore a Skerries “doc” John Hinds

    Le road races sono corse particolari e fantastiche, che anche chi ama riesce a fatica a descrivere pienamente. Perché non sono solo gare, moto, piloti, bagarre. Ma c’è tutto un sottobosco unico e indispensabile che fa da anima pulsante delle corse su strada; stiamo parlando degli spettatori, degli appassionati, degli organizzatori, dei volontari, dei marshal, insomma tutte quelle figure assolutamente preziose ma troppo spesso un po’ in ombra.

    Sabato 4 luglio 2015 è stata scritta una pagina molto triste nella storia delle road races, poichè docqualcosa di davvero inimmaginabile è accaduto, andando a colpire una parte importante di quel sottobosco, un vero e proprio angelo custode.

    Skerries 100, contea di Dublino. Venerdì sera le prove della famosa National Road Race irlandese vengono interrotte con bandiera rossa per una caduta, ma non si tratta di un pilota. A perdere il controllo della sua BMW S1000RR rossa e ad impattare violentemente contro un muro è stato, questa volta, uno dei travelling doctors.

    In tutte le corse su strada, ad eccezione del troppo lungo Tourist Trophy, in ogni primo giro di prove e gare il gruppo di piloti viene seguito in moto da uno o due dottori, oltre ai consueti travelling marshals. Veri e propri “medici volanti” su due ruote, pronti ad intervenire in caso di incidente, molto più probabile al primo giro nelle gare con mass start. All’inizio del secondo passaggio, da prassi, i dottori rientrano in pit lane, pronti a rimettersi subito alla guida per raggiungere il luogo di un eventuale incidente nel corso delle prove o delle gare.


    E stava andando così anche a Skerries, quando però il dottor John Hinds, trentacinquenne di Tandragee (Irlanda del Nord) è stato vittima di una caduta mentre seguiva il gruppo di piloti, procurandosi fatali danni alla testa. Trasportato d’urgenza al Beaumont Hospital di Dublino, ne è stato purtroppo dichiarato il decesso sabato mattina, 4 luglio.

    La scomparsa di John Hinds è certamente dolorosa come qualsiasi morte, ma nel suo caso c’è qualcosa di più. Il mondo delle road races (e non solo) è totalmente in lutto, soffrendo la perdita di uno dei più bravi e dediti travelling doctors, sempre in prima linea, sempre pronto a soccorrere e salvare vite. E molti, molti piloti lo hanno ricordato sul web proprio così. Volontario del MCUI Medical Team, “doc” Hinds era considerato una figura molto importante, un esempio dal punto di vista umano e professionale, che, terminato il lavoro di anestesista al Craigavon Area Hospital (contea di Armagh, Irlanda del Nord), nei week-end raccoglieva le proprie borse di primo soccorso, caricava il suo furgone con la S1000RR rossa (arrivata dopo le bellissime Suzuki e Kawasaki con il simbolo del MCUI Medical Team) e si recava come volontario ai vari meeting su strada.

    Il piccolo rimborso spese ricevuto non copriva le trasferte, ma Hinds, così come i colleghi, era mosso solo dalla passione per le road races e per il proprio mestiere. Aveva tuttavia recentemente ricevuto un grosso aiuto da Bridgestone, che gli aveva fornito qualche treno di gomme per affrontare la stagione.


    Tuta, stivali, borse, casco arancione (con il codino che sventolava e lo rendeva subito riconoscibile): “doc” John Hinds era un motociclista di alto livello e chi lo ha visto dal vivo racconta scherzando che “doveva chiudere il gas per non tamponare gli ultimi piloti”. Full gas, salti, scollinamenti, il flying doctor affrontava il tracciato proprio come i piloti davanti a sè, con il suo pesante fardello di medicinali e responsabilità. Basta cercare qualche immagine in rete per ammirarne lo stile di guida.

    In molti, moltissimi oggi lo piangono e lo ringraziano per le vite salvate. Come poco tempo fa aveva fatto Franck Petricola, soccorso proprio da Hinds dopo il terribile incidente alla North West 2014; e per Hinds, vedere Petricola tornare al Triangle Circuit l’anno seguente era stata una immensa soddisfazione. Franck aveva finalmente disputato la sua North West 200, pronto poi per il debutto al TT, per lui prutroppo tragico. Come è stata la successiva Skerries 100 per John Hinds…

    Questa non vuole essere la storia strappa-lacrime e attira-lettori. Questa è la reale descrizione di una persona che, forse, non ha ricevuto le meritate attenzioni per il suo ruolo importante e delicato. E anche noi rimpiangiamo di non aver mai spedito quell’intervista a John Hinds, ancora chiusa come bozza in un cassetto. Non resta che ricordarlo come il grande uomo che era e, se possibile, aiutarlo a coronare uno dei suoi sogni: John aveva recentemente denunciato la mancanza di un’eliambulanza in Irlanda del Nord e lanciato una petizione per porvi rimedio. Per aderire, come in oltre 12.000 hanno fatto dopo la sua morte, basta seguire questo link.

    Ciao Flying Doctor.

    Marta Covioli


    [​IMG]
    Foto Chris Usal
     
    Ultima modifica: 7 Luglio 2015