[Provata] Indian Chief Classic

[Provata] Indian Chief Classic - opinioni e discussioni sul Forum di Dueruote - puoi discutere con appassionati di moto come te, iscriviti subito per partecipare ed esprimere la tua opinione!

  1. Mauro Fiorentini

    Mauro Fiorentini

    Iscritto:
    1346846680
    Messaggi:
    2.497
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    Splende un bel sole e il Pandino cammina forte in direzione Roma, si districa tra le varie uscite del raccordo anulare e alla fine raggiunge la Custom Bros, concessionaria Indian e Victory (R.i.p.).

    Le saracinesche sono chiuse, ma quando arrivano i ragazzi della concessionaria sbrigo subito le formalità e rimango a guardare le quattro Indian inclinate sui loro cavalletti. E’ la seconda volta in assoluto che vedo moto di questo Marchio, la prima fu a Barcellona qualche anno fa e si trattava di una “piccola” Scout. Per la prima volta, quindi, posso apprezzare da vicino i particolari di queste grosse Chief che, in foto, mi piacciono tanto.

    E mi piacciono ancora di più dal vivo: a partire dal motore, un grosso 1811cc che sembra uscito dritto dritto dagli anni ’40, passando per lo scarico infinito, arrivando alla carrozzeria che partendo subito da dietro il motore diventa un tutt’uno col parafango posteriore, per non parlare dell’opulenta carenatura che ingloba faro e steli forcella ed arrivando, alla fine, al megalomane parafango anteriore su cui svetta la leggendaria testa d’indiano in vetro. La cura per i dettagli, per l’assemblaggio e le finiture sono ai massimi livelli, non hanno niente da invidiare alla Harley Davidson.

    A tanta opulenza risponde l’essenzialità del “ponte di comando”: l’unico strumento, un contachilometri, è piazzato al centro del serbatoio, ed è dotato delle classiche spie di servizio che risultano un po’ piccoline sebbene gagliardamente illuminate. Un piccolo display digitale mostra i chilometri percorsi e l’ora. Alla sinistra del manubrio troviamo i pulsanti per le frecce e le luci, mentre alla destra ci sono avviamento, cruise control e il tasto run/off. Sopra il contachilometri, sul serbatoio, c’è un altro pulsante con un simbolo dell’avviamento, ma non sono riuscito a capire a cosa servisse, anche perché purtroppo devo far rilevare che la moto mi è stata consegnata spenta senza spiegazioni sull’uso dei pulsanti (ed approfitto anche per ribadire che, se ho chiesto dove si trovassero cambio e pedale del freno, non è perché non conosco le moto, ma perché la Indian ha sempre spostato questi due comandi ed è meglio che sappia dove sono prima di andare dritto in curva perché anziché frenare scalo una marcia).
    Comunque, con l’aiuto di un dipendente che mi accende la moto sono pronto a partire: il rombo è civilissimo al minimo, ed anche quando do gas in folle si mantiene sempre entro i limiti dell’accettabile.

    Parto lentamente, vado subito a cercare il pedale del freno e mi trovo spiazzato dal dover allungare le gambe oltremisura. Le pedane, non esagero, saranno lunghe 40 se non 50 centimetri ed i comandi a pedale sono là in fondo. Per i primi metri mi affatico ad allungare le gambe… ed anche ad inserire le marce, perché il comando del cambio, già lontano di suo, è pure duro da azionare.

    Ma ci si pensa dopo, ecco la prima curva, un curvone lento che mi fa girare di 180°. Arrivo lento e prudente, inclino la moto e… cavolo, non c’è modo di allargare le gambe! O meglio, si possono allargare limitatamente, ma scoprirò poi che conviene di più tenerle appiccicate al serbatoio e far fare tutto alla moto.
    Sì, perché già da questa prima curva spigolata mi rendo conto dell’enorme fiducia che mi ispira la ciclistica. L’avantreno è assolutamente irremovibile, e tutto l’insieme è sorprendentemente leggero da spostare, a patto che si viaggi ad almeno una ventina di km/h. Sotto questo limite, conviene rallentare al più presto ed aiutarsi con le gambe, perché nonostante la sella bassa il peso spunta fuori e le leve si fanno gradualmente inefficaci, l’avantreno troppo lontano.

    Ma non è una moto con cui trotterellare a 20 km/h, o meglio può anche esserlo, però dopotutto sotto il sedere ho un bicilindrico da 1800cc, 135 Nm a 2.100 giri al minuto e chissà quanti cavalli: una specie di trattore vitaminizzato quindi, e la voglia di vedere subito come tira è tanta. Esco dalla curva in quarta, ad una quarantina di km/h: per qualche intercessione divina, nella lunga corsia che mi apre davanti il traffico è inesistente, così ruoto la manopola del gas, metto una marcia, do gas a tre quarti e il motore abbandona quel suo rombo educato per gratificarmi con un’esplosione di musica che testimonia l’impegno dei due cilindroni.
    Mi rendo conto che la pressione dell’aria è limitata alle spalle, anche quando, sbirciando velocemente lo strumento, mi accorgo di essere a velocità autostradali. E ci sono arrivato in un attimo! In quel frangente la moto è molto stabile e ben piantata a terra ed inclinare i suoi 340 kg per affrontare un ampio curvone non richiede uno sforzo particolare.

    Si susseguono le curve ed i rettilinei ed imparo che devo rassegnarmi a tenere i piedi alla base delle pedale, andando a cercare i pedali quando serve. Questo limita un po’ qualunque velleità di guida allegra, perché bisogna tener conto del fatto che ci vuole più tempo per trovare i comandi rispetto a quanto ce ne vorrebbe se fossero sotto piede, pronti ad intervenire.
    In effetti proprio la posizione delle gambe, pur non essendo un difetto ma piuttosto una caratteristica di queste cruiser, non è davvero riuscita a piacermi. Come è accaduto per la Electra Glide, ma anche per la V9, mi sono trovato a disagio nell’avere le gambe allungate. A me piace averle “sotto” il sedere, in linea con il resto del corpo, perché così posso usarle nelle curve. Con queste moto invece non mi è stato possibile, e la Indian non fa eccezione. Meglio rassegnarsi a questa particolarità e far fare tutto alla moto, in curva, anche se così perdo parte del divertimento.

    Del resto moto come la Indian non nascono certo per fare pieghe sportive, ma per mettersi in autostrada e mangiarsi i km. In questo la Chief Classic, pur essendo la versione “spartana” della famiglia Chief, garantisce comunque un comfort di marcia assolutamente eccezionale, dovuto all’assenza di vibrazioni ed all’ottima ciclistica che elabora tutte le buche e gli ostacoli, facendo arrivare quasi niente al pilota.
    La Electra Glide fa meglio in quanto a comfort di marcia, ma la Chief Classic la batte decisamente per quanto riguarda la fiducia che ispira. Del resto pesa oltre 70 kg in meno, è più essenziale e… costa quasi 10.000 Euro in meno!

    Il prezzo delle Indian mi ha lasciato un attimo interdetto: in generale, per quel che offre la moto nella sua categoria e per l’esclusività del Marchio, i quasi 21.000 Euro richiesti per la Chief Classic sono allineati ai listini delle altre Case. Però non ho capito perché la Chief Classic con sella passeggero, scarichi diversi e qualcos’altro in più rispetto alla versione “spoglia” che ho provato io costasse circa mille Euro in meno.

    Ma, a parte tutte le considerazioni, il vero punto a sfavore della Indian risiede nell’avere tre concessionari in tutta Italia. Questo è un peccato, perché la moto che ho provato è sinceramente molto buona, un gigante gentile costruito con molta cura, che ispira fiducia ad ogni passo ed è pronto a portarti in capo al mondo, oltre ad avere una coppia da dragster. Ora Polaris, il gruppo a cui appartengono i Marchi Indian e Victory, ha deciso di cessare la produzione di queste ultime moto e dedicarsi solo alle Indian.
    Spero sinceramente che questa politica possa portare a far conoscere le belle moto Indian a più persone, e che possa tradursi in una rete di vendita ed assistenza più capillare, perché le moto meritano davvero parecchio.

    [​IMG]

    In questa brevissima clip, la coppia del motore: https://www.youtube.com/watch?v=BpFeaUMjOGg&feature=youtu.be

    2017Dueruotemaggio6
     
    Ultima modifica: 16 Marzo 2017
  2. calus

    calus

    Iscritto:
    1251369649
    Messaggi:
    6.096
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    moto bellissima! Bianca poi ancora di piu.
    e ottima prova..

    Senti, approposito, ma sta moto frena?
     
    Ultima modifica: 24 Febbraio 2017
  3. Mastic

    Mastic

    Iscritto:
    1237220642
    Messaggi:
    5.766
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    Ma ti mancava così tanto il Coneroring da metterti a fare il giro tondo sull'Appia sopra il raccordo anulare??? E' lo svincolo dell'apertura del tuo filmato. Poi magari guardo anche il resto.
    Comunque hai scritto una bella prova!
     
    Ultima modifica: 24 Febbraio 2017
  4. Mauro Fiorentini

    Mauro Fiorentini

    Iscritto:
    1346846680
    Messaggi:
    2.497
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    Grazie mille calus!
    Per i freni..... allora, il freno posteriore ha un'azione che al "tatto" del piede sembra spugnosa, pare quasi che il freno dietro non lavori ma in realtà, a guardare il contakm, la moto decelera in maniera molto efficace.
    Il freno anteriore pinza subito e la forcella accusa, va a fondo un pochino troppo improvvisamente ma si ricompone quasi subito.

    Certo, anche se non ti ci fa pensare, la moto pesa sempre 340 chili..... più 85 di pilota non siamo molto lontani dalla mezza tonnellata: conviene tenere una certa distanza da chi precede per evitare che, in caso di emergenza, gli si finisca contro tagliandogli in due la macchina :D

    Insomma, frenare frena bene, anche meglio di quel che mi aspettavo in relazione alla stazza, però come in tutte le moto grosse ho preferito non approfondire troppo.... :lookaround
     
    Ultima modifica: 24 Febbraio 2017
  5. Mauro Fiorentini

    Mauro Fiorentini

    Iscritto:
    1346846680
    Messaggi:
    2.497
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    Ma poi non ho fatto il video alle madonne contro il navigatore che diceva..... tieniti a sinistra..... e le uscite erano a destra........ poi, comunque, nottetempo abbiamo (io e i 2 amici che erano con me) dimenticato lo stress sfondandoci di arrosticini e formaggio fritto a Teramo...... insomma una zingarata mi mancava, anche se in macchina :twisted:
     
    Ultima modifica: 24 Febbraio 2017
  6. STC0303

    STC0303

    Iscritto:
    1238488170
    Messaggi:
    873
    "Mi Piace" ricevuti:
    39
    Hai sbagliato indirizzo, questo è un forum di motociclette, dovevi andare su www.iveco.com :D :D
     
    Ultima modifica: 24 Febbraio 2017
  7. Mastic

    Mastic

    Iscritto:
    1237220642
    Messaggi:
    5.766
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    Si, ma... i freni, la forcella...
    Uscite da questi parametri da moto agile. Questa è fatta per andare a spasso. Se le chiedete di fare le curve forte, se le chiedete una guida spigliata, se cercate il nervosismo del motore e la frenata efficace, cambiate moto!!!
    Con questa mettete una marcia, tenete sempre la stessa e trotterellate.
     
    Ultima modifica: 24 Febbraio 2017
  8. viperello0109

    viperello0109

    Iscritto:
    1238519207
    Messaggi:
    4.722
    "Mi Piace" ricevuti:
    6
    Costa tanto perché è venduta a peso, neh?
     
    Ultima modifica: 24 Febbraio 2017
  9. calus

    calus

    Iscritto:
    1251369649
    Messaggi:
    6.096
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    no no, ho scritto freni perche di solito le Harley sono note per frenate indecenti, quasi al limite delle sicurezza, mentre per esempio la Guzzona 1400 frena molto bene.
    Piu' che un plus, una necessita' impellente! ;-)
     
    Ultima modifica: 24 Febbraio 2017
  10. multistrangola

    multistrangola

    Iscritto:
    1241302996
    Messaggi:
    2.592
    "Mi Piace" ricevuti:
    1
    prima o poi te la farai una moto che piega e gira? :D
     
    Ultima modifica: 24 Febbraio 2017
  11. Mastic

    Mastic

    Iscritto:
    1237220642
    Messaggi:
    5.766
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    Quando si dice la sintesi...
     
    Ultima modifica: 24 Febbraio 2017
  12. Mauro Fiorentini

    Mauro Fiorentini

    Iscritto:
    1346846680
    Messaggi:
    2.497
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    Poi, forse.... :D
     
    Ultima modifica: 24 Febbraio 2017
  13. skylineGTR

    skylineGTR

    Iscritto:
    1346237361
    Messaggi:
    2.184
    "Mi Piace" ricevuti:
    1
    bellissima moto che fa sognare spiagge californiane trotterellando al ritmo delle pistonate del pacioso twin....

    un vero gioiello! bella! ;-)
     
    Ultima modifica: 24 Febbraio 2017
  14. angu1973

    angu1973

    Iscritto:
    1316704605
    Messaggi:
    8.657
    "Mi Piace" ricevuti:
    7
    Ebbravo Mauro, meno male che ogni tanto si legge qualcosa di alternativo alle solite moto :thumbup:
     
    Ultima modifica: 24 Febbraio 2017
  15. Mauro Fiorentini

    Mauro Fiorentini

    Iscritto:
    1346846680
    Messaggi:
    2.497
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    Grazie raga :) purtroppo a Gennaio un imprevisto mi ha impedito di provare la BMW R1200RS, chissà, magari in futuro.... a Marzo invece dovrebbe essere la volta della Ducati Supersport nuova..... speriamo :)
     
    Ultima modifica: 24 Febbraio 2017