Cerca

Seguici con

Road Races - [ottobre2ruote11]
Indice dei Forum -> Lo sport della moto Vai alla pagina: Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9 Successivo 
Autore Messaggio
fcalissi


[Avatar]
Registrato: 09/03/2009 10:09:28
Messaggi: 23959
Ubicazione: Firenze
Offline

Conviene salvarlo e rivederselo perchè è un pò lungo da caricare

http://www.aecivitas.com/news/1509Giogo/15giogoExxMGS.mp4

Grazie a Marta Covioli che ne scrive un articolo in roadracingcore.com

» CIVS » E-xxx, una e-Moto GP nel CIVS

Di Marta Covioli | 15/10/2015 |

Qualcuno ricorderà di averla vista alla Sillano-Ospedaletto del 2013, per altri si tratterà invece di una novità assoluta: il Campionato Italiano Velocità in Salita potrebbe prepararsi in un futuro non troppo lontano ad accogliere una categoria di moto elettriche.

exxx
(foto: Aecivitas Team)



L’esempio più noto nelle corse su strada è il TT Zero, classe che ha debuttato sul Mountain Course nel 2009 (come test) e in forma ufficiale dal 2010: un piccolo gruppo silenziosissimo che, di sicuro, divide pubblico e addetti ai lavori. Ma le moto elettriche sono una realtà che indubbiamente si sta pian piano consolidando nel campo delle competizioni e, oltreoceano, trova già un uso quasi quotidiano (come ci rivelò Mark Miller durante un’intervista).

In tutto questo l’Italia non sta certo a guardare: ben noto è l’esempio del Team Vercar Moto, piccola squadra di Bellano (Lecco) facente capo a Carlo Gelmi, che dal 2012 è stata presenza fissa al TT Zero con Gary Johnson, Chris McGahan e Mark Miller, rinunciando purtroppo quest’anno alla partecipazione per svariati motivi.

Anche il Campionato Italiano Velocità in Salita è recentemente stato teatro di una piacevole partecipazione, quella della E-xxx, una vera e propria e-MotoGP apparsa per la prima volta a Sillano nel 2013 e allora guidata per una “salita dimostrativa” da David Lignite; la E-xxx è stata ora riproposta all’ultima tappa CIVS 2015, la Scarperia-Giogo.

Carene nere, loghi verde acceso, la bella E-xxx è proprio la stessa del 2013, con propulsore invariato ma importanti aggiornamenti al pacco batterie. La prima e-MotoGp italiana è realizzata con ciclistica ex Honda RS250 e motore elettrico Marelli di derivazione aeronautica da 50 cavalli.

Il progetto è stato promosso da Aecivitas Team, associazione no profit con sede a Firenze impegnata da dieci anni nella progettazione di veicoli elettrici da competizione e da strada (auto, moto, kart).

Al Giogo la E-xxx ha aperto tutte le sessioni di prove e gare come “fuori classifica”, ma, tempi alla mano, avrebbe realizzato il 44° crono su 83 partenti in 1’13”45 (l’assoluto 2015 è stato fatto segnare da Stefano Nari con 600 Stock in 1’02”12). Per niente male, anzi…

Alla guida Denis Sacchetti, 29enne ex pilota e ora Team Manager del Team GoEleven (impegnato nel Mondiale Superbike, Supersport, Stock 1000 e 600), nonché tester ufficiale della E-xxx. Ecco le dichiarazioni di Sacchetti dopo l’esperienza della Scarperia-Giogo:

“Guidare la E-xxx sui tornanti del Giogo è stata un’esperienza bellissima, indimenticabile! Ho gareggiato per tanti anni con moto GP e derivate dalla serie con motore tradizionale e scoprire le sensazioni offerte dalla propulsione elettrica è stata una sorpresa assoluta. Con un motore più potente e qualche piccolo cambiamento sui software di controllo, per esempio al freno motore, saremo in grado di puntare a prestazioni straordinarie. La mia partecipazione al CIVS ha destato molta curiosità ed interesse. Ci rivediamo presto!”

Massimo Tucci, direttore tecnico del progetto E-xxx ha dichiarato:

“Siamo finalmente riusciti a riportare su strada la E-xxx e il bilancio dell’operazione ‘Giogo’ è stato molto più lusinghiero di quello che ci aspettavamo. La Moto-GP elettrica si è rivelata affidabilissima, la prestazione pura non era il nostro obbiettivo ma anche su questo versante ci siamo tolti belle soddisfazioni. Poter disporre di un pilota di talento ed esperienza come Denis Sacchetti ha dato grande impulso al nostro progetto. Ringrazio di cuore anche la FMI (Federazione Motociclistica Italiana) per averci dato la possibilità di cimentarci nell’ultimo round del CIVS e auspichiamo per il 2016 la creazione di una speciale categoria ‘E-GP’ per il campionato 2016, in modo che anche altri team e Costruttori possano cimentarsi”.



Al seguente link potete trovare il video delle salite della E-xxx alla Scarperia-Giogo del 26-27 settembre 2015: http://www.aecivitas.com/news/1509Giogo/15giogoExxMGS.mp4
dragonair0307


[Avatar]

MODERATORE

Registrato: 16/03/2009 13:17:04
Messaggi: 4320
Ubicazione: Bozen Verona
Offline

Fonte www.roadracingcore.com

Ian Hutchinson firma con Tyco BMW per il 2016

Notizia bomba nel mondo road racing: l’11 volte campione al TT Ian Hutchinson, icona delle corse stradali e famoso per la sua pazzesca forza di volontà, ha firmato con il Team TAS Racing per il 2016.


Dopo un brillante 2015 che ha siglato finalmente il suo vero e proprio ritorno al top, Hutchy lascia PBM e approda alla squadra nordirlandese dei Neill.

Ma facciamo un passo indietro. Ian Hutchinson, 36enne inglese di Bingley (Yorkshire), debutta al Tourist Trophy dell’Isola di Man nel lontano 2004, stessa annata d’esordio di Guy Martin e Stefano Bonetti. Hutchy mette le mani sul suo primo Mercurio Alato nel 2007, facendo registrare altre 2 vittorie al TT nel 2009 per poi arrivare a quel quasi imbattibile record del 2010: su Honda Padgett’s Ian Hutchinson vince 5 gare su 5 disputate, come nessuno mai prima di lui aveva saputo fare. Una dimostrazione di forza davvero notevole. Proiettato in modo assoluto nell’olimpo dei road racers, la carriera di Hutchy subisce però una battuta d’arresto subito dopo: durante il round British Supersport di Silverstone, sempre nel 2010, è vittima di una caduta e la sua gamba sinistra riporta fratture che lo costringeranno a ben 16 operazioni. Il 2011 segna a fatica il suo ritorno alle corse, ma nel 2012 nuove fratture si aggiungono a quelle non ancora guarite, a seguito di una caduta durante un’esibizione al Motorcycle Show di Londra.

Un calvario. Ma Hutchinson è animato da una determinazione e una forza di volontà più uniche che rare. Dopo essersi fermamente opposto all’amputazione della gamba, Hutchy riesce in un recupero che è qualcosa di straordinario: con cambio montato sulla moto a destra, Ian vince il Macau GP 2013 e, credetemi, essere sotto a quel podio di persona è stata una cosa a dir poco commovente.

Ma il ritorno alle vittorie dell’Isola di Man sono tutta un’altra cosa. Anche il 2014 passa piuttosto in sordina e in molti danno “the Bingley Bullet” ormai per “finito”. Niente di più sbagliato. Giugno 2015: Ian Hutchinson, in sella alla Kawasaki PBM, vince la Superstock Race al Tourist Trophy con tanto di nuovo record, replicando poi nelle 2 gare Supersport con la bella Yamaha Traction Control di Keith Flint, leader dei Prodigy. Fantastico.


La scorsa settimana, però, l’annuncio di Paul Bird: il team PBM lascia Kawasaki per la Ducati Panigale R, che verrà utilizzata nel BSB con i piloti Shane Byrne e Glenn Irwin. Le road races non sono tra i programmi 2016 di Bird. E Hutchy? E’ presto fatto. Da qualche mese in contatto con padre e figlio Hector e Philip Neill, firma con TAS Racing per la prossima stagione.

La squadra di Moneymore (Irlanda del Nord), solida struttura che deriva il suo nome da Temple Auto Salvage, iniziale business dei Neill, non ha certo bisogno di presentazioni. Di ieri l’annuncio del rinnovo di TAS con il main sponsor Tyco Security Products e con BMW: TAS sarà squadra ufficiale BMW nel BSB e nelle road races ancora per i prossimi due anni.

Ian Hutchinson guiderà quindi le S1000RR Superbike e Superstock nelle International Road Races (Tourist Trophy, North West 200, Ulster GP e Macau GP), nonché nel British Superstock Championship.

E gli altri piloti TAS? William Dunlop ha lasciato la squadra qualche settimana fa (sarà con CD Racing, la cui Supersport è già stata guidata da William nel 2015), mentre un grosso punto interrogativo riguarda, come sempre, Guy Martin.

Sono in molti a storcere il naso di fronte all’ipotesi di una coppia Ian Hutchinson-Guy Martin: tra i due, per la cronaca, non corre buon sangue. Appare ora molto probabile l’assenza di Guy dal TT 2016: in una video intervista apparsa ieri sul suo canale YouTube, Martin afferma di avere ormai preso una decisione in merito al suo futuro, decisione che non piacerà a parecchia gente. E, last but not least, Guy si starebbe preparando per il famoso “Tour Divide”, estrema gara di mountain-bike in America che si terrà proprio nel periodo del Tourist Trophy…

Tornando a Ian Hutchinson, lo rivedremo con PBM all’ultima gara stagionale di Macao a novembre, per poi passare a vestire i panni Tyco BMW. Un’altra tedesca da tenere d’occhio, come quest’anno, sarà quella di Lee Johnston, riconfermato con East Coast Racing BMW.

Se siete arrivati a leggere questo articolo fino in fondo, ecco una bella notizia, non ancora divulgata… Non prendete impegni per sabato 12 dicembre: presso il Motosplash di Milano si terrà la prima festa RoadRacingCore in collaborazione con Ciapa La Moto. Ed il nostro grande, immenso ospite sarà proprio Ian Hutchinson!

Marta Covioli



"Però Diobò se te hai nella testa un obbiettivo, un qualcosa che devi raggiungere, secondo me ti aiuta ad andare avanti senza paura." M.Simoncelli
"L’unico vero viaggio verso la scoperta non consiste nella ricerca di nuovi paesaggi, ma nell’avere nuovi occhi." (Marcel Proust)
"I'd never miss a race to go off and do something else. Racing is my be all and end all. I love it." MMT
fcalissi


[Avatar]
Registrato: 09/03/2009 10:09:28
Messaggi: 23959
Ubicazione: Firenze
Offline

Le corse su strada in Tv, RoadRacingCore ospite di “Street Fighters”

Di Marta Covioli | 23/10/2015 | 2015

Le road races sono un argomento scottante e, come sappiamo, non da tutti ben accolto. Per anni i media hanno snobbato, se non ostacolato, il diffondersi di notizie sulle corse su strada. Ma fortunatamente le cose stanno cambiando.

mm
Da sinistra: Daniela Franchitti (Street Fighters), Marta Covioli (RoadRacingCore), Marco Pagani (pilota TT), Nicola Covioli (RoadRacingCore) e Filippo Mingardi (Street Fighters).
Da questo mese si parlerà di road races in televisione, più precisamente nel nuovissimo programma “Street Fighters” condotto da Filippo Mingardi e Daniela Franchitti.

“Street Fighters” va in onda su AutoMotoTV (canale 148 di Sky) e sarà interamente dedicato alle corse su strada.

Non avete Sky? Nessun problema. “Street Fighters” è anche in streaming sul sito web AutoMotoTV.

Il programma è partito mercoledì 21 ottobre e la puntata inaugurale ha visto come ospiti in studio proprio noi di RoadRacingCore!

Nei 30 minuti di trasmissione si è parlato in modo generale di road races (compreso il nostro CIVS): gli argomenti in gioco sono tantissimi e probabilmente torneremo a “Street Fighters” in qualche puntata successiva. La prossima, invece, vedrà come ospite Marco Pagani, esordiente quest’anno al Tourist Trophy dell’Isola di Man.

Se vi siete persi la prima puntata di “Street Fighters” poco male: Sky (e il sito web AutoMotoTV in streaming) propone subito numerose repliche:



Sabato 24/10 ore17.00

Domenica 25/10 ore 1.00 – 11.00 – 19.00




Da sinistra: Daniela Franchitti (Street Fighters), Marta Covioli (RoadRacingCore), Marco Pagani (pilota TT), Nicola Covioli (RoadRacingCore) e Filippo Mingardi (Street Fighters).
dragonair0307


[Avatar]

MODERATORE

Registrato: 16/03/2009 13:17:04
Messaggi: 4320
Ubicazione: Bozen Verona
Offline

Ultima gara del calendario 2016 delle Road Races: Macau

Per tutte le informazioni www.roadracingcore.com

Macau GP: il programma e come seguirlo

Mancano ormai solo tre giorni all’attesissimo Macau Grand Prix, evento di chiusura di ogni stagione road racing.

Nella lontana Cina, in quell’affascinante ex colonia portoghese che è Macao, proprio di fronte a Hong Kong, vola ogni anno un selezionato gruppo di road racers, pronti a sfidarsi su un tracciato very demanding, il tutto condito da un’atmosfera rilassata e di grande unione e divertimento.

A Macao le divisioni tra i Team non esistono più, la trentina di piloti invitati dagli organizzatori festeggiano nel vero senso della parola il finale di stagione, in una città dal doppio volto, portoghese e cinese, tra le sbalorditive insegne luminose, i casino e i lussuosissimi hotel sotto ad un cielo perennemente grigio.

Alla piccola famiglia dei road racers a Macao è dedicata una parte della corsia box, con anche 4 moto in uno stesso garage, mentre a fianco si trovano le più seguite Formula 3 e GT Cup, il tutto a coprire un enorme paddock sotterraneo dedicato alle “tamarrissime” auto cinesi. Da vedere!

Il 2015 segna la 62^ edizione del Macau GP, ma solo la 49^ per il Motorcycle Grand Prix (le moto corrono al Circuito da Guia dal 1967). Un tracciato di 6,2 km stretto tra grattacieli e muretti, ma soprattutto tra le ARMCO barriers gialle e nere che molto spesso lasciano segni indelebili sulle tute dei piloti. 31 road racers da 11 Paesi diversi (in Europa, America, Australia e Sud Africa) si affronteranno quest’anno al Guia Circuit; tra di loro ben quattro vincitori di edizioni passate (Stuart Easton, Michael Rutter, Ian Hutchinson e John McGuinness).

La entry list del Macau GP è come sempre da brivido: quest’anno ritroviamo il campione in carica nonché detentore del record di Macao categoria Superbike Stuart Easton (che nel 2010 fece segnare un 2’23”616 che resiste tuttora. Per avere un termine di paragone, il record della Formula 3 appartenente a Edoardo Mortara è di 2’10”732). Easton è stato protagonista di un recente cambio di team , passando da PBM a SMT Yamaha. Il suo posto con Paul Bird Kawasaki come compagno di squadra di Ian Hutchinson è stato preso dallo scozzese Jimmy Storrar, già 5° a Macao 2013.

Ci sarà poi la coppia Honda Racing formata da John McGuinness e Conor Cummins, il plotone BMW Penz13.com con il re di Macao Michael Rutter (8 vittorie in carriera al Guia per “the Blade”), Gary Johnson, lo svizzero Hervè Gantner e il canadese Dan Kruger. Piccola curiosità: le S1000RR di Rutter e Kruger presentano una livrea multicolore, risultato di un concorso dedicato a persone disabili. Il Team di Rico Penzkofer sarà inoltre protagonista questa sera di un torneo di biliardo il cui ricavato andrà a Stephen Thompson, che ha perso un braccio in seguito al brutto incidente alla North West 2015.

Sempre con la Casa tedesca troviamo Lee Johnston (BMW East Coast Racing), Paul Shoesmith e Davo Johnson per ICE Valley, Martin Jessopp (Riders Motorcycles), il tedesco Didier Grams (Saiger-Heidger Racing), il bravissimo Peter Hickman (Briggs Equimpent) che cercherà di riscattare l’unico esordio negativo nelle road races lo scorso anno, quando a Macao fu vittima di una caduta e il team non riuscì a trovare parti di ricambio per riparare la moto.

Su Kawasaki ci saranno invece il bravissimo austriaco Horst Saiger (Kawasaki Saiger-Heidger Racing), la new entry dell’ultimo minuto Ivan Lintin (RC Express Kawasaki, al posto di Guy Martin), i portoghesi Nuno Caetano (Kawasaki Team Portugal) e Andre Pires (Yamaha Team SBK), il veterano inglese James McBride (Kawasaki Morello Racing) e il giovane Micko Sweeney (Kawasaki Martin Jones Racing). Presenti poi l’irlandese Brian McCormack (Honda TAG Racing), il buon Davy Morgan (Honda Magic Bullet), l’irlandese Steve Heneghan (Yamaha Reactive Parts), il sudafricano AJ Venter (Honda CF Racing) e l’inglese Dan Cooper (Honda Space Center). In pista anche la EBR Splitlath dell’americano Mark Miller (che vanta ben 16 presenze in carriera a Macao) e le Bimota di Ben Wylie e Brandon Cretu. Tre i newcomer quest’anno a Macao: l’esperto TT rider Russ Mountford (Honda VRS) e gli esordienti al TT di quest’anno Sam West (Kawasaki PR Racing) e Tom McHale (Honda CF Racing).


Il Circuito da Guia si trova nella parte alta di Macao (città composta da una penisola ed un’isola collegate da ponti), arroccato tra la collina da Guia e il mare. Subito dopo lo start si piega a sinistra per immettersi in un lungo e veloce rettilineo, inframezzato dalla destra “Mandarin Oriental Bend”; il rettilineo prosegue fino alla nota curva “Lisboa”, una secca destra che porta subito ad un’altra curva destrorsa. Da qui si sale lungo “S. Francisco Hill” verso la collina da Guia, la parte più tecnica ed impegnativa del tracciato. Dopo la destra di “Maternity Bend” si arriva al famoso tratto delle “Solitude Esses”, serie di curve dove spesso i piloti toccano barriere e muretti con la spalla. Si giunge quindi al lento tornantino a destra chiamato “Melco Hairpin”, che scende verso “Dona Maria Bend” e la secca destra di “Fisherman’s Bend” (punto in cui nel 2012 perse la vita Luis Carreira); dopo un breve rettilineo l’ultima secca destra “R Bend” riporta sul traguardo.

Marta Covioli



Macau GP – Martin Jessopp davanti a tutti nelle libere


Macao (Cina), ore 7.30 del mattino. Le luci del giorno hanno appena iniziato ad illuminare questa caotica città e il 62° Macau Grand Prix può finalmente avere inizio.


Come sempre sono le moto ad aprire le danze al Guia Circuit con una sessione di un’ora di Prove Libere. Pur essendo molto presto fa caldo e c’è parecchia umidità. Ma dopo svariati giorni di relax, obblighi pubblicitari e PR, i piloti non vedono l’ora di dare gas sui 6,2 km di questo affascinante, tecnico, famigerato circuito cittadino.

Occhi puntati sui vincitori delle due edizioni passate, Stuart Easton e Ian Hutchinson: ma i due britannici iniziano con calma, lasciando ad altri i tempi migliori di queste Free Practice.

Dal primo all’ultimo giro è John McGuinness (vincitore a Macao nel lontano 2001) che porta la sua Fireblade davanti a tutti, facendo segnare il suo miglior tempo al decimo giro in 2’29”021. Dietro di lui si scatenano il “re del Guia” Michael Rutter (BMW Penz13.com) e l’austriaco Horst Saiger (Kawasaki Saiger-Heidger Racing), fermando il cronometro rispettivamente a 2’29”142 e 2’29”452.

La sessione sembra ormai segnata dal dominio della Honda Racing di “McPint”, quando negli ultimissimi secondi prima della bandiera a scacchi è un altro grande favorito a Macao a segnare il best lap, Martin Jessopp. Con la sua BMW rossa Riders Motorcycles, Jessopp abbatte la barriera dei 2’29” siglando un 2’28”970.



Dietro di lui quindi John McGuinness, Michael Rutter, Horst Saiger, poi Ian Hutchinson in quinta posizione (Kawasaki PBM), sesto il bravissimo Peter Hickman al suo secondo anno a Macao (BMW Briggs Equipment), poi Lee Johnston (BMW East Coast), Gary Johnson (BMW Penz13.com), l’australiano David Johnson (BMW Ice Valley) e il campione in carica Stuart Easton (Yamaha SMT) a chiudere la top ten.

Migliore tra i quattro newcomer è Russ Mountford (Honda VRS preparata dall’esperto Robbie Silvester) in 22^ posizione.

Si segnala un problema elettrico alla Bimota di Brandon Cretu che lo ha portato al ritiro nel tratto delle Solitude Esses e un problema alla pompa benzina per Micko Sweeney, che non ha potuto effettuare nemmeno un giro di queste prove libere.

Appuntamento alle 15.45 locali (le 8.45 in Italia) per la prima sessione di qualifiche del 49° Macau Motorcycle Grand Prix!

Marta Covioli











"Però Diobò se te hai nella testa un obbiettivo, un qualcosa che devi raggiungere, secondo me ti aiuta ad andare avanti senza paura." M.Simoncelli
"L’unico vero viaggio verso la scoperta non consiste nella ricerca di nuovi paesaggi, ma nell’avere nuovi occhi." (Marcel Proust)
"I'd never miss a race to go off and do something else. Racing is my be all and end all. I love it." MMT
fcalissi


[Avatar]
Registrato: 09/03/2009 10:09:28
Messaggi: 23959
Ubicazione: Firenze
Offline

Mc è Mc, poi con quel polmone di Cbr è talmente in simbiosi che sembra una Bmw

Jan Hutchinson su Kawa viene subito dopo nelle mie preferenze,anzi siccome è giovane fa il pari col vecchio ciccione

Tutte le innominabili mooolto dopo,anche quel tonto che del padre porta solo il cognome

Live timing in diretta adesso

http://www.mstworld.com/motorsport/livetiming

streaming

http://www.ustream.tv/channel/macau-grand-prix-2014-720p
giudipeppe


[Avatar]

Registrato: 23/05/2010 10:39:02
Messaggi: 4516
Offline

non mi emoziona per nulla la competizione nell'attuale diretta streaming ...

http://www.youtube.com/user/Giudipeppe83?feature=mhee
fcalissi


[Avatar]
Registrato: 09/03/2009 10:09:28
Messaggi: 23959
Ubicazione: Firenze
Offline

Per forza ci sono le auto

Questi gli orari (fuso orario -7 ore)

Giovedì 19 novembre: 7.30 – 8.30 Prove Libere

15.45 – 16.30 Qualifiche

Venerdì 20 novembre: 7.30 – 8.15 Qualifiche

Sabato 21 novembre: 11.25 – 11.45 Warm-up

15.05 – 16.05 Gara (12 giri
giudipeppe


[Avatar]

Registrato: 23/05/2010 10:39:02
Messaggi: 4516
Offline

lo sò ..........ma che auto .......

http://www.youtube.com/user/Giudipeppe83?feature=mhee
dragonair0307


[Avatar]

MODERATORE

Registrato: 16/03/2009 13:17:04
Messaggi: 4320
Ubicazione: Bozen Verona
Offline

Sun City Group Macau GP qualifying practice one - conditions dry

1 4 John McGuinness GBR Honda 2:27.246 11 149.63
2 7 Michael Rutter GBR BMW Motorrad 2:27.476 14 0.230 149.39
3 40 Martin Jessopp GBR BMW 2:27.711 9 0.465 149.16
4 9 Ian Hutchinson GBR Kawasaki 2:28.776 11 1.530 148.09
5 5 Gary Johnson GBR BMW Motorrad 2:29.023 10 1.777 147.84
6 3 Horst Saiger LIE Kawasaki 2:29.263 13 2.017 147.61
7 60 Peter Hickman GBR BMW 2:29.463 12 2.217 147.41
8 13 Lee Johnston GBR BMW 2:29.529 9 2.283 147.34
9 22 Conor Cummins IOM Honda 2:29.650 12 2.404 147.22
10 15 Jimmy Storrar GBR Kawasaki 2:31.026 11 3.780 145.88
11 20 Dan Cooper GBR Honda 2:31.653 11 4.407 145.28
12 54 Steve Heneghan IRL Yamaha 2:32.366 12 5.120 144.60
13 10 Mark Miller USA EBR 2:32.588 10 5.342 144.39
14 26 Didier Grams GER W&G BMW 2:32.890 13 5.644 144.10
15 1 Stuart Easton GBR Yamaha 2:33.607 8 6.361 143.43
16 111 Brian McCormack IRL TAG Honda 2:34.492 8 7.246 142.61
17 48 Herve Gantner SUI BMW Motorrad 2:34.882 13 7.636 142.25
18 62 Sam West GBR Kawasaki 2:35.891 14 8.645 141.33
19 39 Allann-Jon Venter RSA Honda 2:35.948 9 8.702 141.28
20 11 Paul Shoesmith GBR BMW 2:36.180 14 8.934 141.07
21 71 Davy Morgan GBR Honda 2:36.625 12 9.379 140.67
22 72 Russell Mountford GBR VRS Honda 2:37.574 4 10.328 139.82
23 24 James McBride GBR Kawasaki 2:37.713 12 10.467 139.70
24 18 Nuno Caetano POR Kawasaki 2:37.760 6 10.514 139.66
25 34 Ben Wylie GBR Bimota 2:38.062 10 10.816 139.39
26 31 Dan Kruger CAN BMW Motorrad 2:38.291 7 11.045 139.19
27 6 Ivan Lintin GBR Kawasaki 2:38.430 11 11.184 139.06
28 88 Brandon Cretu USA Bimota 2:39.639 8 12.393 138.01
29 14 Andre Pires POR Yamaha 2:40.104 7 12.858 137.61
30 90 Tom McHale GBR Honda 2:46.056 11 18.810 132.68
31 65 Michael Sweeney IRL Kawasaki 2:53.825 3 26.579 126.75

- See more at: http://www.bikesportnews.com/news/news-detail/2015-macau-gp-thursday-practice-and-qualifying-times#sthash.41EwDLFX.dpuf

"Però Diobò se te hai nella testa un obbiettivo, un qualcosa che devi raggiungere, secondo me ti aiuta ad andare avanti senza paura." M.Simoncelli
"L’unico vero viaggio verso la scoperta non consiste nella ricerca di nuovi paesaggi, ma nell’avere nuovi occhi." (Marcel Proust)
"I'd never miss a race to go off and do something else. Racing is my be all and end all. I love it." MMT
fcalissi


[Avatar]
Registrato: 09/03/2009 10:09:28
Messaggi: 23959
Ubicazione: Firenze
Offline

Grazie a Marta Covioli e Roadracingcore.com

Con un passaggio assolutamente mozzafiato, fatto di “spazzolate” in curva e ARMCO barriers sfiorate, “McPint” si piazza davanti a tutti in queste QP1 con la sua Honda Racing numero 4, siglando un 2’27”246.

Al termine della sessione il secondo posto va a Michael Rutter (BMW Penz13.com), poi Martin Jessopp (BMW Riders Motorcycles), un Ian Hutchinson in ripresa (Kawasaki PBM), poi Gary Johnson (BMW Penz13.com), Horst Saiger (Kawasaki Saiger-Heidger Racing), Peter Hickman (BMW Briggs Equimpent), Lee Johnston (BMW East Coast Racing), Conor Cummins (Honda Racing) e il bravo Jimmy Storrar al suo primo assaggio di Kawasaki PBM.

Solo 15° il campione in carica del Macau GP Stuart Easton: il piccolo scozzese pare avere qualche difficoltà con la Yamaha SMT, moto noleggiata da Milwaukee per l’occasione.


dragonair0307


[Avatar]

MODERATORE

Registrato: 16/03/2009 13:17:04
Messaggi: 4320
Ubicazione: Bozen Verona
Offline

Qui trovate gli highlights delle prove di questa mattina


https://www.youtube.com/watch?v=3a9rgtuW7zU&feature=youtu.be&app=desktop

"Però Diobò se te hai nella testa un obbiettivo, un qualcosa che devi raggiungere, secondo me ti aiuta ad andare avanti senza paura." M.Simoncelli
"L’unico vero viaggio verso la scoperta non consiste nella ricerca di nuovi paesaggi, ma nell’avere nuovi occhi." (Marcel Proust)
"I'd never miss a race to go off and do something else. Racing is my be all and end all. I love it." MMT
fcalissi


[Avatar]
Registrato: 09/03/2009 10:09:28
Messaggi: 23959
Ubicazione: Firenze
Offline

Qualifiche

1 40 Martin Jessopp GBR BMW 2:24.387 13 152.59
2 7 Michael Rutter GBR BMW Motorrad 2:25.524 13 1.137 151.40
3 60 Peter Hickman GBR BMW 2:26.269 12 1.882 150.63
4 9 Ian Hutchinson GBR Kawasaki 2:26.791 15 2.404 150.09
5 4 John McGuinness GBR Honda 2:26.810 12 2.423 150.07
6 5 Gary Johnson GBR BMW Motorrad 2:26.879 13 2.492 150.00
7 22 Conor Cummins IOM Honda 2:27.030 11 2.643 149.85
8 3 Horst Saiger LIE Kawasaki 2:27.953 14 3.566 148.91
9 1 Stuart Easton GBR Yamaha 2:28.431 13 4.044 148.43
10 13 Lee Johnston GBR BMW 2:29.594 10 5.207 147.28
11 15 Jimmy Storrar GBR Kawasaki 2:29.968 13 5.581 146.91
12 20 Dan Cooper GBR Honda 2:30.303 13 5.916 146.58
13 16 David Johnson AUS BMW 2:30.330 15 5.943 146.56
14 10 Mark Miller USA EBR 2:30.445 13 6.058 146.45
15 26 Didier Grams GER W&G BMW 2:30.764 12 6.377 146.14
16 111 Brian McCormack IRL TAG Honda 2:31.483 11 7.096 145.44
17 48 Herve Gantner SUI BMW Motorrad 2:31.638 12 7.251 145.29
18 54 Steve Heneghan IRL Yamaha 2:32.545 12 8.158 144.43
19 39 Allann-Jon Venter RSA Honda 2:33.516 14 9.129 143.52
20 34 Ben Wylie GBR Bimota 2:33.532 14 9.145 143.50
21 11 Paul Shoesmith GBR BMW 2:34.036 13 9.649 143.03
22 62 Sam West GBR Kawasaki 2:34.038 11 9.651 143.03
23 14 Andre Pires POR Yamaha 2:35.019 14 10.632 142.12
24 24 James McBride GBR Kawasaki 2:35.559 12 11.172 141.63
25 6 Ivan Lintin GBR Kawasaki 2:35.867 13 11.480 141.35
26 71 Davy Morgan GBR Honda 2:36.266 15 11.879 140.99
27 31 Dan Kruger CAN BMW Motorrad 2:37.056 10 12.669 140.28
28 88 Brandon Cretu USA Bimota 2:37.151 12 12.764 140.20
29 18 Nuno Caetano POR Kawasaki 2:37.992 5 13.605 139.45
30 65 Michael Sweeney IRL Kawasaki 2:41.133 5 16.746 136.73

- See more at: http://www.bikesportnews.com/news/news-detail/2015-macau-gp-saturday-qualifying-times-and-results#sthash.wtEgMSMY.dpuf

Da Roadracingcore.com

Una volta ripulito il tracciato la sessione riprende e ben presto diventa un totale monologo del roadracer inglese Martin Jessopp. Dapprima scende sotto il muro dei 26”, poi dei 25”, avvicinandosi al record del tracciato fatto segnare da Stuart Easton nel 2010 in 2’23”616.

La BMW Riders Motorcycles vola e, a 8 minuti dal termine della sessione, Jessopp monta un nuovo posteriore per tentare l’assalto al record, ma niente da fare; il traffico in pista non gli permette il colpaccio, ma l’inglese mette comunque la sua firma sulla sua prima pole in carriera al Macau GP. Un talento naturale quello di Jessopp a Macao, da sempre nelle posizioni che contano e capace di guidare in modo sublime tra le ARMCO barriers.

A +1.137 troviamo in seconda posizione in griglia il recordman di vittorie al Guia Circuit, Michael Rutter (su BMW Penz13.com). Completa una tripletta tedesca il fantastico Peter Hickman (Briggs Equipment): nella classifica combinata tra le QP1 e QP2 a sorpresa è il giovane inglese a piazzarsi in terza posizione al suo secondo anno a Macao. Come sempre, Hickman riserva cose grandiose. Sarà un sorvegliato speciale per la gara di domani.

Quarto posto in griglia per il vincitore del 2013 Ian Hutchinson (Kawasaki PBM), poi John McGuinness (Honda Racing), Gary Johnson (BMW Penz13.com), Conor Cummins (Honda Racing), Horst Saiger (Kawasaki Saiger-Heidger Racing), uno Stuart Easton davvero in crisi (Yamaha SMT) e Lee Johnston (BMW East Coast) a chiudere la top ten.

Problemi per l’irlandese Micko Sweeney che totalizza solo 6 giri in tre sessioni di prove: per lui in forse la gara di domani. Come per Nuno Caetano, troppo dolorante per un recente infortunio rimediato durante un allenamento.

A Macao non resta ora che aspettare la gara, prevista per domani alle ore 15.05 (le 8.05 in Italia) per una durata di sei giri. Non si escludono complicazioni a causa della pioggia, sfortunatamente prevista dopo numerose giornate di bel tempo


https://www.youtube.com/watch?v=DIPjBA1l8wU

fcalissi


[Avatar]
Registrato: 09/03/2009 10:09:28
Messaggi: 23959
Ubicazione: Firenze
Offline

Da Roadracingcore.com

Grazie a Marta Covioli



Gli aggettivi per descrivere il vincitore di questa gara non sono abbastanza. Al suo secondo anno nelle road races e alla sua prima effettiva gara a Macao, Peter Hickman vince il Macau Grand Prix
Secondo posto a +6 secondi per il favorito di questa edizione, uno sconsolato Martin Jessopp

Completa il podio “the Blade” Michael Rutter al termine di una gran bagarre con il gruppo degli inseguitori; quarto posto per John McGuinness (Honda Racing), quinto Gary Johnson (BMW Penz13.com), Ian Hutchinson (Kawasaki PBM), Conor Cummins (Honda Racing), Horst Saiger (Kawasaki Saiger-Heidger), Lee Johnston (BMW East Coast) e Davo Johnson (BMW Ice Valley) a chiudere la top ten

fcalissi


[Avatar]
Registrato: 09/03/2009 10:09:28
Messaggi: 23959
Ubicazione: Firenze
Offline

La determinata rincorsa di Peter che ci crede (e fa bene)

La furiosa battaglia per il posto d'onore di Michael e John ( da vedere l'esterno di Mc a Hutchy nell'ultimo giro )

La Gara

https://www.youtube.com/watch?v=xvtr2CecDKI
fcalissi


[Avatar]
Registrato: 09/03/2009 10:09:28
Messaggi: 23959
Ubicazione: Firenze
Offline

Torna Imatra, lo storico circuito Finlandese al confine Russo, tappa di molti mondiali auto e sopratutto moto
Abbandonato prima nell'82 e poi definitivamente nell'86 in seguito a due tragedie,un sidecarista ed un bambino spettatore investito da una moto uscita di strada

Giacomo Agostini (detentore del maggior numero di vittorie, 17), Marco Lucchinelli, Phil Read, Jarno Saarinen, Joey Dunlop ne sono stati i protagonisti per quasi vent'anni

Ma ora Imatra torna dopo 30 anni, riapre le porte e lo fa con l’International Road Racing Championship, il campionato “continentale” di corse su strada che aggiunge la tappa finlandese a tracciati quali Horice, Frohburg, Oostende, Chimay. Tra il 19 e il 21 agosto 2016 si tornerà quindi a correre sul circuito cittadino

Barry #7 nel passaggio sulle famose rotaie del treno

 
Indice dei Forum -> Lo sport della moto Vai alla pagina: Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9 Successivo 
Vai a: